La super rapa magra: le rape di maggio sono così versatili nella tua cucina

Sembrano dei ravanelli troppo corti ma tondeggianti e, nonostante il loro nome, si possono trovare ancora nei mercati settimanali fino alla fine di giugno: le rape di maggio. Possono essere utilizzati in vari modi in cucina: cotti, possono essere gustati come contorno o piatto principale e grattugiati come cibo crudo, secondo il Centro di consulenza per i consumatori bavarese.

In termini di gusto, le rape sono una via di mezzo tra il cavolo rapa e i ravanelli. Ma hanno un sapore più delicato, leggermente dolce e sono più morbidi.

Possono essere serviti come pasto vegano, come gli asparagi, insieme alle patate, o come accompagnamento ricco di vitamine per stufati come il classico arrosto della domenica, afferma Daniela Krehl, esperta di nutrizione presso il centro di consulenza ai consumatori bavarese.

Tagliate a fettine sottili, le rape bianche o viola condite con olio d’oliva e salsa di aceto fanno anche un buon carpaccio.

E le verdure a foglia sono commestibili: cotte come gli spinaci, in insalata o tritate come ingrediente per una zuppa. È importante elaborare le foglie rapidamente dopo l’acquisto, poiché appassiscono rapidamente. Le rape stesse si conserveranno per due o tre giorni in frigorifero. Se li usi crudi, dovresti prima rimuovere la pelle fibrosa.

Secondo Daniela Krehl, le rape, in quanto “varietà vegetale ricca di sostanze vitali, sono dei veri e propri stimolatori immunitari”. Contengono vitamine del gruppo B, acido folico, zinco e ferro. C’è molta vitamina C e beta-carotene nelle verdure a foglia. Le rape sono costituite per il 90% da acqua e non contengono quasi grassi e poche calorie.

Leave a Reply

Your email address will not be published.