Perdere peso in modo flessibile: ecco cos’è la “dieta flessibile” e questi sono i vantaggi

Cos’è la dieta flessibile?

“Dieta flessibile” è un concetto di dieta che ti risparmia l’effetto yo-yo, evita le voglie e, cosa molto importante, non proibisce nulla. Come suggerisce il nome, è una forma flessibile di dieta senza piani rigidi o regole nella propria dieta. L’attenzione è rivolta alla flessibilità della selezione degli alimenti.

Dalla pizza alle torte e ai biscotti a tutto ciò che istintivamente evitereste a dieta, la Dieta Flessibile consente tutto con moderazione. La quantità di calorie che consumi durante la settimana è molto più importante.

La dieta flessibile consiste nel mangiare con un deficit calorico durante le pause. Per Vanessa Klein, il principio della dieta è semplice, perché “una dieta flessibile ti consente di partecipare pienamente alla vita sociale durante una dieta e mangiare una torta ai compleanni o mangiare un fast food a una festa”.

Questa è Vanessa Klein: Lei è un talento a tutto tondo. In qualità di coach nutrizionale, personal trainer, psicologa aziendale e potenziale terapeuta per la psico-neuroimmunologia clinica, offre ai suoi follower argomenti interessanti relativi a salute, alimentazione e fitness nel suo blog e su Instagram. Il suo obiettivo è principalmente vivere una vita sana e sentirsi bene senza doversi arrendere costantemente.

Puoi scoprire di più su di lei e sui suoi contributi qui:

Blog: https://www.vanessaklein-coaching.com/

Instagram: https://www.instagram.com/vanessaklein.coaching

Funziona davvero – l’autoesperimento del Dr. cappuccio

Sembra quasi troppo bello per essere vero. Un professore americano ha dimostrato che funziona. dott Haub, noto anche come “Twinkie Diet Professor”, ha condotto un autoesperimento. e ho mangiato solo Twinkies (involtini di torta ripieni di marshmallow) per 10 settimane.

Ha perso 12 chilogrammi e anche i suoi valori di salute sono migliorati. Quindi il deficit calorico di circa 800 calorie è stato decisivo per il suo successo nella perdita di peso. dott Haub consumava 1.800 calorie al giorno, mentre il consumo calorico era di 2.600 calorie.

Nutrire Twinkies da solo mentre è a dieta non è un programma dietetico raccomandato. Tuttavia, mostra che la quantità di calorie è fondamentale per la perdita di peso e che una sana riduzione del peso ha effetti positivi sui valori di salute.

La “dieta flessibile” non solo provoca una riduzione del grasso corporeo e un miglioramento dello stato di salute, ma ha anche un effetto psicologico positivo, poiché nessun principio della dieta dice di evitare rigorosamente gli alimenti “non adatti a una dieta” .

Dovresti prestare attenzione a questo

Mangiare tutto ciò che si ha voglia di mangiare non è possibile. Come già accennato, la quantità di calorie e il deficit calorico sono determinanti per il successo del tuo dimagrimento. Per questo è importante che tu scopra prima quale sia il tuo fabbisogno calorico giornaliero. Per un primo orientamento, prova il calcolatore di calorie. Questo calcola il tuo metabolismo basale approssimativo di calorie e il tuo fabbisogno energetico.

È possibile determinare questa quantità esatta di calorie documentando le calorie e il peso corporeo ogni giorno per un periodo di 2-3 settimane.

Se il peso è stato ridotto durante questo periodo, puoi presumere che la quantità di calorie consumate fosse un deficit. Se il tuo peso è rimasto lo stesso, hai consumato tante calorie quante ne hai bruciate. Se aumentavi di peso, avevi un surplus calorico.

Qui puoi determinare facilmente il tuo fabbisogno energetico personale:

Della tua età

Il tuo peso

La tua taglia

Attiva Javascript per utilizzare la mini calcolatrice

Sebbene la documentazione possa sembrare un lavoro complicato, ne vale la pena in quanto costituisce la pietra angolare della tua dieta flessibile. L’obiettivo è avere un’idea delle calorie nel tempo in modo da poter stimare intuitivamente il conteggio delle calorie.

Se non vuoi annotare tutto, puoi utilizzare un diario alimentare online (es. MyFitnessPal o Yazio). Le conoscenze su alimenti, calorie e valori nutrizionali che acquisirai nel tempo ti aiuteranno a mantenere il peso corporeo target con facilità dopo alcuni mesi.

Voglie di cibo, cattivo umore e mancanza di pulsione potrebbero quasi essere annoverati tra i normali sintomi di una dieta. Il Fleixble Dieting ha preso precauzioni qui. Per rendere più facile per te e il tuo corpo perdere peso, ci sono altri tre trucchi che non dovrebbero mancare in un programma di dieta flessibile.

3 consigli per la tua dieta flessibile

1. Pasti spontanei

I pasti spontanei sono pasti che non rientrano nella tua dieta. Se stai seguendo uno stile a basso contenuto di carboidrati, sarebbe un pasto ricco di carboidrati e per qualcuno che mangia solo cibi non trasformati sarebbe un pasto trasformato.

I pasti spontanei dovrebbero essere integrati consapevolmente nel tuo piano per un massimo di 1-2 volte a settimana. È importante assicurarsi di non finire in un surplus calorico.

Lo sfondo di questa idea è che i pasti individuali non influiscono negativamente sul peso corporeo o sugli ormoni della fame. Invece, questi pasti spontanei hanno un effetto psicologico positivo e fanno sì che tu possa seguire la tua dieta a lungo termine senza arrendersi.

2. Rifornimenti

Un altro trucco che può fare miracoli durante una dieta sono le ricariche.

I refeed sono incrementi calorici strutturati attraverso un maggiore apporto di carboidrati. Puoi farlo da uno a tre giorni di seguito.

Oltre a un effetto psicologico positivo, i refeed hanno un effetto positivo sull’ormone della fame e della sazietà (l’ormone della sazietà leptina aumenta). L’aumento dell’assunzione di carboidrati porta a più forza ed energia nella vita di tutti i giorni, il che ti fa sentire più in forma e più energico.

Anche la perdita muscolare, che di solito è inevitabile con un deficit calorico, viene ridotta. Ma assicurati che la maggiore quantità di calorie sia composta esclusivamente da carboidrati e non da grassi o proteine.

Puoi decidere tu stesso quanto spesso integrare i refeed nella tua dieta. Dipende, tra l’altro, dalla durata della dieta, dal grado di obesità, dalle condizioni psicologiche e dalla storia della dieta. È meglio sedersi con un consulente nutrizionale professionista e progettare il tuo piano.

3. Pianifica le pause dietetiche

La dieta può essere estenuante. Per dare una pausa a te e al tuo corpo, sono previste pause dietetiche per la Dieta Flessibile. Le pause occasionali più lunghe aumentano le possibilità di poter seguire una dieta più a lungo e riducono anche il tasso di abbandono.

Ma anche qui bisogna stare attenti a non mangiare troppo e ad aumentare il numero di calorie principalmente dai carboidrati. La quantità di calorie necessarie per mantenere il peso dovrebbe essere mirata a qui.

Tuttavia, guadagnare 1-2 chilogrammi durante questo periodo è del tutto normale. Questo aumento è quasi interamente dovuto al peso dell’acqua e al contenuto gastrointestinale. Anche la frequenza con cui si integra una pausa dietetica è individuale. Anche in questo caso, dipende dal peso da perdere e dal grado di sovrappeso.

Dieta flessibile a colpo d’occhio

  • Nessun divieto
  • Nessun programma dietetico rigoroso
  • Nessuna aspettativa di una dieta “perfetta”.
  • Individualità delle scelte alimentari
  • Puoi mangiare qualsiasi cosa purché tu abbia un deficit calorico significativo
  • Progettazione e fattibilità a lungo termine
  • Allocazione sensata di macronutrienti
  • Integrazione regolare delle fasi di rialimentazione
  • Integrazione regolare delle pause dietetiche

Il post è stato creato in collaborazione con Vanessa Klein. Se vuoi saperne di più sulla dieta flessibile, dai un’occhiata al suo blog.

Leave a Reply

Your email address will not be published.